CONVENZIONE SOLAS 74 - NUOVA NORMATIVA IN TEMA DI SPEDIZIONI VIA MARE

Informiamo che, dal 1° luglio 2016, entrerà in vigore una nuova normativa in tema di spedizioni via mare. L'Organizzazione Marittima Internazionale (IMO) ha infatti apportato nuovi emendamenti alla Convenzione SOLAS 74 (Salvaguardia della vita in mare). Queste nuove disposizioni che, come anticipato, entreranno in vigore dal 1° luglio 2016 (data partenza della nave dal porto), stabiliscono l'obbligo di dichiarare la massa lorda verificata (VGM - Verified Gross Mass) di ogni container prima del carico a bordo della nave.

Tale onere spetta allo "Shipper" che può procedere alla pesatura dell'intero container dopo la sua sigillatura o, diversamente, alla verifica del peso di tutti i singoli colli sommando poi i materiali da imballaggio e fissaggio oltre alla tara del container. Tale pesatura andrà sempre effettuata con l'utilizzo di specifiche pese dotate di apposite certificazioni. Nell'eventualità l'azienda fosse dotata di pesa certificata, consigliamo di procedere autonomamente alla definizione della VGM prima che il container parta dal luogo di origine.

Il dato della VGM e i dettagli della spedizione dovranno essere comunicati tramite un documento redatto su carta intestata, allegando la ricevuta della pesatura.
Tali informazioni dovranno essere trasmesse con sufficiente anticipo rispetto all’imbarco per la preparazione e l'attuazione del piano di stivaggio nave nel rispetto dei tempi.

Il VGM potrà essere comunicato solamente da operatori certificati ISO 9001 o 28000 o, in alternativa, che dispongano di requisito AEO (Authorized Economic Operator).
In caso di sola certificazione ISO, sarà necessario certificare il flusso della pesatura della merce. È previsto un periodo transitorio fino al 1° gennaio 2017, in cui lo shipper sarà autorizzato all'invio della VGM, anche senza tal documento, previa dichiarazione alla Capitaneria di avvenuto avvio della procedura di certificazione della pesatura.

D.B. Group è disponibile ad effettuare, per conto dei propri clienti, l'organizzazione o l'espletamento di tali oneri previo accordo e mandato.

Il mancato rispetto dell'obbligo di comunicazione della VGM comporterà, oltre all'impossibilità di carico del container a bordo della nave, anche costi aggiuntivi per lo stoccaggio, per i diritti di sosta o per il ritorno del container al luogo di origine, che saranno a carico del mittente. Le conseguenze dovute alle eventuali differenze riscontrate a seguito di controlli (la tolleranza prevista è del 3% e fino ad un massimo di 500 kg) o errori di comunicazioni saranno in capo allo Shipper.

In una fase iniziale potrebbero verificarsi alcune variazioni ai cut-off da parte degli operatori portuali o delle compagnie marittime con conseguenti modifiche alle finestre di carico. Per questo, Le chiediamo massima collaborazione per evitare eventuali inconvenienti. Sottolineiamo infine che, le procedure operative nei terminal e nei porti, sono tuttora in fase di definizione e potrebbero quindi esserci ulteriori normative a riguardo derivanti dalla discussione in atto anche con le associazioni di categoria.

Per ulteriori dettagli, La invitiamo a prendere visione della Convenzione SOLAS 74 e delle relative norme nazionali che ne danno attuazione.

Per informazioni aggiuntive, può contattare i nostri uffici inviando un'e-mail all'indirizzo: marketing@dbgroup.net